Il fondatore Stanislao Cobianchi desidera realizzare una bottiglia inconfondibile quanto l’elisir che contiene.
Per questo disegna una bottiglia iconica che,
pur rinnovandosi negli anni, manterrà sempre lo stesso carattere distintivo: un’ampolla, evocativa di una “pozione”,
risultato di un’alchimia.

LA FORMA ICONICA

IL SEGNO DI UN’ALCHIMIA

Il nostro Amaro nasce nel 1885 con il nome di Elisir Lungavita e ottiene subito notevoli riconoscimenti.
Soltanto undici anni dopo, in occasione del matrimonio dell’affascinante principessa Elena del Montenegro con il principe Vittorio Emanuele III, Stanislao decide di dedicare
il suo elisir a quella regale figura, cambiando quindi il nome in Amaro Montenegro.

IL PERCHÉ DI UN NOME 

UN BATTESIMO REGALE
40 erbe aromatiche che creano
un gusto unico: eccone alcune.

i principali passaggi che
portano al sapore vero
Amaro Montenegro - Spot #Eroiveri 2016/2017

MONTENEGRONI

2 parti
amaro montenegro

1 parte
vermouth rosso

1 parte
gin

2 gocce di
angostura bitter

Originalissimo twist di uno dei classici della tradizione miscelatoria italiana, in cui al bitter si sostituisce la delicatezza erbacea di Amaro Montenegro per crearne una versione più dolce e complessa.

Preparazione

Versare tutti gli ingredienti in un tumbler basso, colmare il bicchiere con tanto ghiaccio, versare l’Angostura. Miscelare e strizzare una buccia d’arancia.

Bicchiere e Guarnizione

Servire nel tumbler basso e guarnire con un twist di arancia.